25 Giugno 2020

Le batterie del progetto Roadrunner, scopriamo i dettagli

By Alexandro Sollai

Tesla ha riconosciuto pubblicamente il progetto Roadrunner per la prima volta. Le informazioni riguardano le batterie del progetto Roadrunner con rivelazioni davvero interessanti.

Le batterie del progetto Roadrunner

All’inizio di quest’anno, Electrek ha rivelato in esclusiva il progetto segreto di Tesla denominato “Roadrunner“. Questo consiste in un sistema di produzione di batterie progettato per aumentare il volume di produzione e ridurre i costi.

Ora Tesla ha riconosciuto il progetto in quanto sta cercando l’approvazione per la costruzione di un secondo piano presso il suo “Tera battery manufacturing” che ospita il progetto Roadrunner a Fremont.

Le batterie del progetto Roadrunner: le dichiarazioni

Tesla ha scritto in una domanda presentata alla città di Fremont lo scorso trimestre quanto segue:

Per ospitare le nuove attrezzature per la produzione di batterie e lo spazio di ricerca e sviluppo (noto come ROADRUNNER), il Progetto propone di costruire un’ulteriore superficie di circa 21.485 piedi quadrati al secondo piano (…) e di aggiungere una ulteriore superficie, più piccola, di circa 8.260 piedi quadrati al terzo piano. Questi miglioramenti aumenteranno lo spazio totale dell’edificio Kato esistente di circa 29.745 piedi quadrati (per un totale di 156.057 piedi quadrati), ma non cambieranno l’impronta dell’edificio o le sue facciate esterne. Non è necessaria alcuna classificazione o scavo per questi miglioramenti, e quasi tutti i lavori di costruzione saranno condotti internamente all’edificio esistente. Il Progetto aggiungerà anche un certo numero di attrezzature meccaniche sul tetto (ad esempio, impianti di trattamento dell’aria, sistemi HVAC e ventilatori) che supporteranno le nuove operazioni di produzione delle batterie. […]

– Tesla

La struttura si trova in fondo alla strada che parte dallo stabilimento di Fremont, all’incrocio tra Kato Road e Page Avenue:

Le batterie del progetto Roadrunner stabilimento

Tesla non specifica quante batterie conta di realizzare grazie a questa nuova costruzione. Ci si aspetta che sia in qualche modo significativo, considerando che prevede di gestire la linea di produzione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con quattro turni e di impegnare fino a 100 lavoratori.

Tesla ha successivamente scritto:

I rimanenti 400 dipendenti lavoreranno a turni, in modo tale che ci siano 100 dipendenti che lavorano alla produzione e alle operazioni di produzione in qualsiasi momento, tutto il giorno, tutti i giorni. I turni di lavoro cambiano alle 6 del mattino e alle 18 del pomeriggio. I turni di lavoro sono tali che 100 dipendenti faranno turni di giorno nella prima metà della settimana, 100 dipendenti fanno turni di notte per la prima metà della settimana, 100 dipendenti fanno turni di giorno nella seconda metà della settimana e 100 dipendenti fanno turni di notte nella seconda metà della settimana.

– Tesla

Inoltre, nell’ambito del progetto, Tesla chiede un significativo aumento della capacità di alimentazione nella sede:

Nell’ambito del progetto proposto, si prevede un aumento del consumo elettrico operativo di circa 92.800 MWh/anno, ovvero un aumento di circa 72.800 MWhr/anno. Le attuali esigenze elettriche delle operazioni di produzione di batterie Tera e delle funzioni di ricerca e sviluppo all’interno di entrambi gli edifici continueranno ad essere soddisfatte. L’aumento del consumo elettrico è attribuibile al fabbisogno di energia elettrica delle apparecchiature di produzione di batterie di nuova tecnologia (Roadrunner). Si presume che queste apparecchiature funzionino 24 ore al giorno, per 365 giorni alla settimana (…).

– Tesla

La casa automobilistica sta inoltre divulgando diversi materiali tossici che saranno utilizzati nell’ambito del progetto.

Ecco una parte della lista:

  • Alluminio cobalto, litio e nichel ossido di cobalto
  • Butossido di titanio
  • Litio, nichel, manganese, manganese, cobalto e ossido di cobalto
  • Solfato di cobalto
  • Idrossido di Litio Monoidrato
  • Solfato di manganese
  • Solfato di nichel
  • Precursore (NCA-Ossido o NCMOxide)

Tesla prevede di consentire la visita della nuova struttura in occasione del Battery Day, ora “provvisoriamente” prevista per il 15 settembre.

[Via]

   
Admin at Tesla Lovers
Appassionato di tecnologia. Studia informatica all'Università di Parma. Apple User. Futuro possessore dell'auto rivoluzionaria di sempre: la Tesla.
0 0 votes
Article Rating