21 Ottobre 2020

L’energy Storage Business di Tesla è davvero incredibile

By Gianluca Palmisano

Uno dei principali obiettivi di Tesla è la diffusione di sistemi di generazione e stoccaggio dell’energia. Queste “microgriglie” possono fornire energia elettrica alle case, alleviando la nostra dipendenza da un’economia basata su un’estrazione e combustione di idrocarburi. Tesla dispone attualmente di oltre 120 “microgriglie” operative in tutto il mondo, il che rappresenta un’eccellente conferma del successo dell’azienda nel raggiungimento dei suoi obiettivi. L’energy Storage Business di Tesla è più grande di quanto pensiamo.

L'energy Storage Business di Tesla in costruzione in Nevada

Dal 2016, Tesla ha fatto ogni sforzo per implementare la flotta di stoccaggio industriale di Microgrid, che sta aiutando le comunità a risparmiare milioni di dollari e a ridurre l’inquinamento. Secondo il Direttore di Ingegneria e Costruzione, Progetti Energetici di Tesla Michael Snyder, l’azienda ha oltre 120 “microgriglie” attive in tutto il mondo!

Si tratta di un numero molto elevato, considerando il fatto che questa divisione dell’azienda è presente sul mercato solo da cinque anni. Tutte le microgriglie esistenti hanno un grande impatto sulle diverse comunità e sui diversi clienti.

L’attività di Tesla nel settore dell’accumulo di energia è cresciuta notevolmente nel 2019, ma il potenziale non è stato sfruttato appieno.

Nel 2020, l’azienda ha riferito che Megapack un pacco batterie fino a 3 MWh preassemblato in Gigafactory Nevada come unità singola, sta guadagnando terreno.

L’azienda ha anche visto una svolta nell’interesse per le strutture di stoccaggio a livello di utility. Tesla ha confermato che il livello di domanda di questo prodotto rimane al di sopra delle loro capacità. I progetti attualmente in fase di sviluppo hanno un elevato interesse per Megapack.

Le energie rinnovabili occupano una quota crescente nel mercato dell’energia e il costo delle batterie è in costante diminuzione. Un aumento dell’immagazzinamento dell’energia delle batterie è una conseguenza inevitabile dell’aumento dell’uso delle fonti di energia rinnovabili.

L'energy Storage Business di Tesla 1

I diversi progetti dell’Energy Storage Business di Tesla

Nel 2020, Tesla, continua ad espandere diversi progetti:

  • Riserva di energia elettrica di Hornsdale. A settembre, Neoen ha annunciato di aver completato l’espansione della grande batteria di Tesla a Hornsdale nel South Australia e ora inizierà a fornire importanti servizi inerziali alla rete attraverso la sua capacità ampliata. La riserva di energia di Hornsdale è stata ora ampliata a 150 MW/194 MWh.
  • La rete VPP (Virtual Power Plant) in South Australia, che è in fase iniziale, è già un enorme successo, come riportato nel rapporto dell’Australian Energy Market Operator, che fornisce 50 GW di potenziale per tali progetti. Il progetto prevede 50.000 case con un sistema di circa 250 MW/650 MWh.
  • Neoen, una società francese, offre anche un altro progetto a Victoria, con una capacità di 600 MW/1200 MWh del valore di 192 milioni di dollari.
  • Il Moss Landing Facility sarà il più grande progetto di stoccaggio di energia di Tesla ed è già iniziato quest’anno. Tesla fornirà un’enorme capacità di 1.095 GWh utilizzando il suo unico prodotto Megapack.

E voi cosa ne pensate di questa “impresa” di Tesla? Fatecelo sapere come al solito nei commenti, e restate sintonizzati su Teslalovers.

[Via]

Vuoi 1500 Km gratuiti per la tua nuova Tesla? Ordinala dal sito ufficiale Tesla! 
Follow me
Founder at TeslaLovers
Appassionato del mondo tecnologico e di tutto ciò che gli gira intorno. Apple user e possessore soddisfatto dell'auto più tecnologica del mondo: Tesla Model 3.
Gianluca Palmisano
Follow me
0 0 votes
Article Rating