9 Giugno 2020

Tesla GigaFactory di Berlino: il progresso del progetto

By Alexandro Sollai

Continua la politica espansionistica di Tesla. La settimana scorsa, Tesla ha (finalmente) ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie per iniziare i lavori per la costruzione della Tesla GigaFactory di Berlino. Ora gli operai si sono messi al lavoro e i risultati sono strabilianti.

Tesla GigaFactory di Berlino

L’impresa di costruzioni tedesca Max Boegl sta scavando una cava per la futura GigaFactory della casa automobilistica californiana Tesla. Mercoledì scorso, l’Agenzia statale per la protezione dell’ambiente ha approvato l’inizio dei lavori nel sito. Come potete vedere dalle foto il lavoro è già bello che avviato.

I nuovi video e le foto dei droni mostrano che nell’area dei lavori sono presenti molte attrezzature “pesanti” e, oltre alla preparazione finale prima della costruzione vera e propria, si stanno costruendo alcune delle prime aree in cemento armato. Il 5 giugno sono arrivate altre unità di gru, che ora sono attivamente impegnate nella costruzione della Tesla GigaFactory di Berlino.

Tesla GigaFactory di Berlino - gru

Max Boegl realizzerà le fondamenta, Cemex fornirà il cemento , e Sulzle fornirà l’acciaio ( che ha una filiale a Berlino ). Tra gli altri materiali da costruzione vediamo grandi quantità di ghiaia depositati sul sito Tesla.

Al momento, il team è impegnato nella costruzione di piedritti in cemento armato. Sotto ogni edificio, ovviamente, ci saranno delle fondamenta che a loro volta avranno un rinforzo notevole.

Tesla GigaFactory di Berlino: i problemi

Il “problema” è che se si costruisce su un terreno argilloso/morbido o se ci dovesse essere una zona morbida sotto le fondamenta, ci potrebbero essere dei problemi. Un basamento che funziona bene in un terreno considerato buono potrebbe non funzionare così bene in condizioni di scarsa portanza. Dunque detto ciò, considerando che l’impianto di Tesla sarà molto pesante la GigaFactory di Berlino è stato progettata con dei doppi rinforzi in cemento costituiti da dei “piedi”.

I progressi che vediamo ci fanno ben pensare che la GigaFactory di Berlino sia stata costruita prima del previsto. Al momento, la casa automobilistica riprogetterà la fabbrica per soddisfare tutti i requisiti ambientali e garantire che la sua prima fabbrica europea possa iniziare la produzione di automobili nell’arco di un anno.

Secondo Jörg Steinbach, ministro dell’economia del Brandeburgo, i nuovi progetti che saranno presentati da Tesla questa o la prossima settimana risolveranno alcuni dei problemi sopracitati.

“Ci aspettiamo una proposta che in sintesi sia più accettabile dal punto di vista ambientale più di quanto sia approvabile”

Jörg Steinbach

Si prevede che il nuovo stabilimento Tesla darà lavoro a circa 12.000 persone che assembleranno 500.000 auto all’anno. Il Ministro ha riferito che si aspetta che le prime auto della catena di montaggio saranno disponibili nella prima metà del 2021.

“Suppongo che entro la prima metà del prossimo anno le auto scenderanno dal nastro trasportatore”.

Jörg Steinbach

I funzionari del governo del Brandeburgo dicono di essere ben consapevoli che il tempo è essenziale perché Tesla ha un vantaggio tecnologico sulla concorrenza tedesca che va utilizzato rapidamente. La casa automobilistica californiana vuole finire la fabbrica in meno tempo possibile e al momento tutto sta andando secondo i suoi piani.

Continuate a seguirci su Teslalovers.

[Via]

   
Admin at Tesla Lovers
Appassionato di tecnologia. Studia informatica all'Università di Parma. Apple User. Futuro possessore dell'auto rivoluzionaria di sempre: la Tesla.
0 0 votes
Article Rating