16 Marzo 2021

Come installare Teslamate su Raspberry e su un NAS

By Gianluca Palmisano

Teslamate è un software, per tenere sott’occhio, tutte le statistiche e le info delle nostre Tesla. Rispetto ad altre applicazioni, questa, resta in “locale”, e le credenziali inserite, rimarranno sempre nella vostra rete e non “divulgate” ad app di terze parti. In questo articolo andiamo a vedere come installare Teslamate su Raspberry e su un NAS.

Come abbiamo già accennato, Teslamate è un programma che ci permette di avere tantissime informazioni dalla nostra auto. Rispetto ad altre applicazioni, quando faremo il login con Teslamate, le credenziali del nostro account Tesla non sono esposte e quindi poco vulnerabili, in quanto “lavora” in locale nella nostra rete.

Prima di addentrarci nella guida per Raspberry, è doveroso fare una piccola premessa. “Se non avete mai lavorato con un Raspberry tramite linee di comando, via terminale, purtroppo questa guida sarà un pò difficile da eseguire e dovete passare alla guida, un pò più semplice per il NAS”.

Come installare Teslamate su Rasperry: la guida

Innanzitutto procuriamoci un Raspberry e colleghiamoci tramite SSH, oppure tramite interfaccia grafica da un altro computer.

Lanciamo il terminale e iniziamo a lavorare sulle righe di comando. Per prima cosa dobbiamo installare un software che si chiama Docker con la riga:

curl -sSL https://get.docker.com | sh

Per far partire Docker, dobbiamo dargli i permessi giusti con il comando:

sudo usermod -aG docker pi
newgrp docker

Alla fine di questi due comandi, proviamo a far partire Docker con la riga:

docker run hello-world

Se tutto sarà stato installato, il terminale ci darà una risposta positiva di esecuzione.

Ora è arrivato il momento di installare le dipendenze e più nello specifico le librerie e Python, con i comandi che seguono

sudo apt-get install -y libffi-dev libssl-dev
sudo apt-get install -y python3 python3-pip
sudo apt-get remove python-configparser

Questi passaggi dureranno alcuni minuti, quindi lasciate che il Raspberry installi il tutto. A questo punto dobbiamo installare il Docker Compose che è lo strumento che ci permetterà, tramite un file, di eseguire appunto Teslamate. Digitiamo questa riga di comando:

sudo pip3 install docker-compose

Procediamo con Teslamate

Adesso andiamo ad installare Teslamate sul Raspberry, ma prima dobbiamo creare un file compose con il seguente comando:

nano docker-compose.yml

Una volta creato il file dovremo andare ad inserire queste stringhe, che sono il cuore del file e di Teslamate per farlo funzionare:

version: "3"

services:
  teslamate:
    image: teslamate/teslamate:latest
    restart: always
    environment:
      - DATABASE_USER=teslamate
      - DATABASE_PASS=secret
      - DATABASE_NAME=teslamate
      - DATABASE_HOST=database
      - MQTT_HOST=mosquitto
    ports:
      - 4000:4000
    volumes:
      - ./import:/opt/app/import
    cap_drop:
      - all

  database:
    image: postgres:12
    restart: always
    environment:
      - POSTGRES_USER=teslamate
      - POSTGRES_PASSWORD=secret
      - POSTGRES_DB=teslamate
    volumes:
      - teslamate-db:/var/lib/postgresql/data

  grafana:
    image: teslamate/grafana:latest
    restart: always
    environment:
      - DATABASE_USER=teslamate
      - DATABASE_PASS=secret
      - DATABASE_NAME=teslamate
      - DATABASE_HOST=database
    ports:
      - 3000:3000
    volumes:
      - teslamate-grafana-data:/var/lib/grafana

  mosquitto:
    image: eclipse-mosquitto:1.6
    restart: always
    ports:
      - 1883:1883
    volumes:
      - mosquitto-conf:/mosquitto/config
      - mosquitto-data:/mosquitto/data

volumes:
  teslamate-db:
  teslamate-grafana-data:
  mosquitto-conf:
  mosquitto-data:

Una volta copiato, dovremo salvare e uscire dal file con il comando Ctrl X.

Adesso è arrivato il momento di avviare Docker e Teslamate sul nostro raspberry con il comando:

docker-compose up -d

A questo punto l’installazione è conclusa e possiamo accedere alla nostra pagina di login digitando sul browser http://your-ip-address:4000, dove “your-ip-address” è l’IP del Raspberry in rete.

Inserite le credenziali del vostro account Tesla, che ricordiamo essere al sicuro in quanto si trovano nel nostro Respberry e nella nostra rete, accederemo alla prima interfaccia di Teslamate con le varie impostazioni da settare.

come installare tesavate interfaccia iniziale

Mentre per entrare nella Dashboard, dobbiamo digitare http://your-ip-address:3000., e avremo cosi accesso a tutti i dati che Teslamate, da quel momento in poi memorizzerà.

come installare teslamate interfaccia grafana

Installare Teslamate su un NAS

Per installare Teslamate su un Nas, è molto diverso e abbastanza più semplice rispetto al Raspberry. Dato che non abbiamo disponibilità di NAS nel momento in cui scriviamo, ci aiuterà tantissimo l’amico Cesare di Electric Experiences, con la sua videoguida.

In questo video, Cesare, ci illustra in pochissimi passaggi come installare Teslamate sul NAS, ma ci dà anche una piccola “infarinatura” sulle varie opzioni e dashboard che questa fantastica applicazione, ci offre.

Come potete vedere dalle due guide, i passaggi per avere tutto sotto controllo, riguardo la nostra Tesla, non sono difficili, basta un pò di pazienza e dimestichezza con le linee di comando.

Si ringrazia anche l’amico Michele “Mix”, per averci aiutato a configurare alla perfezione il nostro Raspberry.

E voi lo usate Teslamate? Lo installerete? Cosa ne pensate di questo software dalle grandi possibilità? Fatecelo sapere come sempre nei commenti.

Inoltre vi ricordiamo che siamo anche su Clubhouse con il Club di Teslalovers, dove ogni Mercoledì e Domenica alle ore 19:00 abbiamo il nostro consueto appuntamento Teslalovers in the Club, per parlare di Tesla e mobilità elettrica. Siete tutti invitati ad unirvi a noi!

Vuoi 1500 Km gratuiti per la tua nuova Tesla? Ordinala dal sito ufficiale Tesla! 
Follow me
Founder at TeslaLovers
Appassionato del mondo tecnologico e di tutto ciò che gli gira intorno. Apple user e possessore soddisfatto dell'auto più tecnologica del mondo: Tesla Model 3.
Gianluca Palmisano
Follow me
5 1 vote
Article Rating