18 Agosto 2020

Nuove super batterie per Tesla? Scopriamolo

By Gianluca Palmisano

La nuova chimica delle celle delle batterie avrebbe una densità variabile e una durata di vita prolungata. Tesla ha un team di ricerca sulle batterie che si trova in Canada. Lavora fianco a fianco con il famoso esperto di batterie Jeff Dahn. Si sa da tempo che Dahn sta lavorando a quella che potrebbe essere una batteria da un milione di chilometri. Sta anche lavorando continuamente a nuovi prodotti chimici per le batterie per rivoluzionare questo settore. Ci saranno nuove super batterie in cantiere per Tesla?

Nuove super batterie in cantiere

Detto questo, tendiamo a sentire parlare di una “scoperta della batteria” quasi ogni giorno. Quando ci si immerge nei dettagli, di solito, è chiaro che la potenziale svolta è in realtà lontana anni, non è stata testata nelle auto elettriche, e ha lati positivi quanto negativi.

In questo caso però, non sembra essere vero. Inoltre, stiamo parlando di Tesla, leader mondiale nello spazio EV, così come di Dahn, probabilmente una delle massime autorità in materia di batterie. Sappiamo che Tesla terrà il suo Battery Day il 22 settembre, e l’azienda accenna da tempo a progetti di batterie da un milione di miglia e/o di batterie “segrete”.

Cosa si sa di queste nuove super batterie

Un recente rapporto condiviso da Teslarati si concentra su una prossima batteria a densità “rivoluzionaria”. Le informazioni sulla cella provengono da un documento messo insieme da Dahn e dal suo team intitolato: “Diagnosticare e correggere il guasto della cella senza anodo tramite elettrolita e analisi morfologica”.

Il documento spiega che le celle di batteria senza anodo sono più leggere delle celle tradizionali e possono immagazzinare più energia per volume. Tuttavia, questa chimica può anche perdere capacità rapidamente e tende ad avere un ciclo di vita più breve.

Il team di Dahn ha imparato a sfruttare i positivi delle celle anodiche della batteria senza anodo, facendo in modo che i tipici negativi non esistano.

Dice che, la chimica delle celle è in grado di avere una durata di vita prolungata con l’introduzione di una soluzione elettrolitica a doppio sale di carbonato, che diminuisce la degradazione.

“Recentemente, abbiamo dimostrato che le celle prive di anodo a lunga durata utilizzano un elettrolita carbonato a doppio sale. Qui caratterizziamo la degradazione delle celle prive di anodo con elettrolita liquido magro (2,6 g Ah-1). Osserviamo il deterioramento della morfologia del litio incontaminata utilizzando la microscopia elettronica a scansione e la tomografia a raggi X, e diagnostichiamo la causa come la degradazione e l’esaurimento dell’elettrolito utilizzando la spettroscopia a risonanza magnetica nucleare e la mappatura della trasmissione ad ultrasuoni. Per i test di caratterizzazione di sicurezza, misuriamo la temperatura della cella durante la ricarica”.

Tesla ha già brevettato una soluzione elettrolitica in passato.

Quindi ha senso che possa essere usata per questa per queste nuove celle e queste nuove batterie. Chissà se queste nuove super batterie di Tesla verranno realmente presentate al Battery Day di settembre.

[Via]

   
Follow me
Founder at TeslaLovers
Appassionato del mondo tecnologico e di tutto ciò che gli gira intorno. Apple user e possessore soddisfatto dell'auto più tecnologica del mondo: Tesla Model 3.
Gianluca Palmisano
Follow me
0 0 votes
Article Rating