18 Maggio 2020

Ritardo per lo SpaceX Starlink, scopriamo i motivi

By Alexandro Sollai

SpaceX è in procinto di dispiegare la sua costellazione di satelliti Starlink nella bassa orbita terrestre. I clienti di tutto il mondo potranno accedere alla rete creata da Tesla, anche nelle zone rurali dove internet è inaffidabile o inesistente. Starlink sarà una costellazione di oltre 12.000 satelliti che diffonderanno internet. Ad oggi, ci sono 420 satelliti nell’orbita terrestre. L’azienda aerospaziale è ora pronta a condurre la sua ottava missione Starlink seppur pare ci sarà un lieve ritardo per lo SpaceX Starlink.

Ritardo per lo SpaceX Starlink

Il lancio era precedentemente programmato per il 17 maggio. Adesso a causa di una depressione tropicale che si sta sviluppando lungo la costa orientale della Florida, la missione è rinviata al 19 maggio. SpaceX ha annunciato quanto segue con un tweet:

“A causa di una depressione tropicale che si sta sviluppando al largo della costa sudorientale degli Stati Uniti, martedì 19 maggio alle 3:10 del mattino EDT per la missione Starlink – le squadre di SpaceX continueranno a monitorare le condizioni meteorologiche di lancio e di atterraggio”.

– SpaceX
Ritardo per lo SpaceX Starlink 1

Mercoledì SpaceX ha avviato una nuova missione con il Falcon 9 che ha volato in altre quattro missioni. Durante la prova di fuoco statico, il razzo Falcon 9 era riempito con propellente kerosene e ossigeno liquido. Successivamente gli ingegneri hanno acceso i suoi nove motori Merlin per alcuni secondi mentre era ancora a terra. Le prove statiche di fuoco sono una preparazione di routine fatta prima di ogni volo per assicurarsi che il razzo sia pronto a prendere il volo.

Per assicurarsi che il razzo atterri in un determinato punto del mare il tempo deve essere favorevole. La nave drone per il recupero dei razzi chiamata Of Course I Still Love You, dovrebbe recuperare il Falcon 9 per la quinta volta.

Questo spiegamento di Starlink sarà equipaggiato con un ‘VisorSat‘. Questo altro non è che la risposta di Elon che mira a rispondere alle preoccupazioni degli astronomi per le flotte di Starlink le quali sono troppo luminose nel cielo notturno.

“Crediamo anche fermamente nell’importanza di un cielo notturno naturale per tutti noi, ed è per questo che abbiamo lavorato con i principali astronomi di tutto il mondo per comprendere meglio le specificità delle loro osservazioni e le modifiche ingegneristiche che possiamo apportare per ridurre la luminosità del satellite”

– SpaceX

VisorSat, funzionerà come un parasole per ridurre la riflettività dei satelliti per renderli meno luminosi dalla terra . Il parasole verrà testato e se funzionerà sarà installato in 60 satelliti. Vediamo, dunque, se dovremo aspettarci ancora un ritardo per lo SpaceX Starlink o se tutto procederà secondo i piani. Noi, come sempre, ve lo comunicheremo qui su Teslalovers.

[Via]

   
Admin at Tesla Lovers
Appassionato di tecnologia. Studia informatica all'Università di Parma. Apple User. Futuro possessore dell'auto rivoluzionaria di sempre: la Tesla.
5 1 vote
Article Rating