28 Marzo 2022

Master Plan part deux

By Leonardo Avella

Master Plan, part deux: circa dieci anni dopo il primo master plan apparso nel lontano agosto 2006, Elon Musk decide di pubblicare un nuovo piano “supersegreto”. Lo fa il 20 luglio 2016, sempre con un post sul suo sito web.

Master Plan, part deux - 1

In questo secondo post Elon Musk rivela che la strategia del primo master plan era obbligata. Non aveva molto denaro disponibile e l’impresa aveva veramente poche possibilità di successo.

Per dare un’idea di quanto fosse rischiosa, basti ricordare che l’elenco delle startup di successo in campo automobilistico è molto corto. Nel 2016 erano solo due le case automobilistiche americane mai andate in bancarotta durante loro storia: Ford e Tesla.

Nel post ammette anche che avviare un’azienda automobilistica nel ventunesimo secolo è da pazzi. Se l’azienda poi produce auto elettriche, l’idiozia è al quadrato.

Uno dei motivi per cui venne pubblicato il primo “Tesla Secret Master Plan” fu quello provare a difendersi dagli attacchi mediatici che Tesla avrebbe dovuto affrontare. Quali? Ad esempio dalle accuse che Tesla si preoccupasse solo di produrre automobili per i ricchi. Sfortunatamente il post non impedì a innumerevoli articoli di uscire e criticare Tesla proprio per quei motivi. Quindi ha completamente fallito l’obiettivo.

Tuttavia, il motivo principale del primo post era spiegare come le attività di Tesla si inseriscano in un quadro più ampio. L’obbiettivo principale era e rimane accelerare l’avvento dell’energia sostenibile.

Se ci pensate, prima o poi per definizione i combustibili fossili finiranno e quindi o la civiltà crollerà per mancanza di energia, oppure dovremo per forza realizzare un’economia energetica sostenibile. Praticamente tutti gli scienziati concordano inoltre sul fatto che aumentare drasticamente i livelli di carbonio atmosferico e oceanico sia follia pura. Quindi più velocemente raggiungiamo la sostenibilità energetica e meglio è.

Ma come fare a realizzare questi obiettivi?

Il Master Plan, part deux è composto dai seguenti punti:

  • Creare straordinari tetti solari con stoccaggio di energia perfettamente integrato
  • Espandere la linea di veicoli elettrici in modo da soddisfare tutti i segmenti principali
  • Sviluppare una guida autonoma dieci volte più sicura di quella umana tramite Intelligenza Artificiale
  • Consentire alla tua automobile di guadagnare per te quando non la stai utilizzando

Master Plan part deux: dobbiamo Integrare la generazione e l’accumulo di energia

Per questo motivo Tesla ha iniziato a produrre pannelli solari e batterie (i PowerWall) perfettamente integrati.

Master Plan, part deux - 2

Il privato cittadino diventa una piccola utility che si auto produce l’energia che gli serve.  Il tutto gestito da un’App facile ed intuitiva.

Aumentare i modelli di veicoli elettrici per intercettare il maggior numero possibile di acquirenti

Nel 2016 erano in produzione solamente Model S e Model X. Con questo punto si stabilisce che servono modelli più piccoli. Negli anni successivi infatti furono presentati Model 3 e Model Y.

Master Plan, part deux - 3

Master Plan part deux: sviluppare una guida autonoma dieci volte più sicura di quella umana

Il primo motivo per cui Tesla ha impiegato tante risorse nello sviluppo di un software di guida autonoma è la sicurezza. Secondo il rapporto NHTSA del 2015, i decessi automobilistici sono aumentati del 7% rispetto all’anno precedente raggiungendo il rapporto di un decesso ogni 89 milioni di miglia.

Master Plan, part deux - 4

Nel momento in cui la guida autonoma si mostrasse più sicura della guida umana, sarebbe eticamente assurdo non utilizzarla.

Flotte di Robo Taxi

Quando la vera guida autonoma sarà approvata dalle autorità di regolamentazione, l’automobile ti potrà venire a prendere praticamente da qualsiasi luogo. Una volta a bordo potrai dormire, leggere o fare qualsiasi altra cosa durante il tragitto.

Potrai anche aggiungere la tua auto alla flotta condivisa Tesla semplicemente toccando un pulsante sull’app del telefono. In questo modo l’automobile potrà generare dei profitti mentre sei al lavoro o in vacanza, potenzialmente superando costo mensile del noleggio o del leasing del veicolo!

Ciò ridurrebbe drasticamente il vero costo di proprietà al punto che quasi chiunque potrebbe permettersi una Tesla. Dato che la maggior parte delle auto viene utilizzata dal proprietario solo per circa il 5% – ​​10% del tempo, è probabile che il valore di una vera auto a guida autonoma diventi molte volte superiore rispetto a quella di un’auto che non lo è.

Possiamo dire che siamo molto vicini al raggiungimento del Master Plan, part deux.

Si vocifera che in questi giorni sia in preparazione il master plan, terza parte…

Ma non ditelo a nessuno!!

Continuate a seguirci anche sulla nostra Community di Telegram!

   
Leonardo Avella
Latest posts by Leonardo Avella (see all)
0 0 votes
Article Rating