29 Luglio 2020

Come competere con Tesla: ecco i 4 punti cardine

By Alexandro Sollai

Forse siamo di parte, ma Tesla è Tesla. Non è un’azienda con decenni e decenni di esperienza, ma nel suo settore non solo è la prima ma è anche unica. In tanti si sono chiesti in passato come competere con Tesla, quali criteri bisognerebbe rispettare. Oggi, in questo articolo, vi mostriamo i 4 punti cardine da rispettare per poter eguagliare o addirittura superare Tesla.

Come competere con Tesla EV

Vorremmo davvero degli EV avvincenti che non siano prodotti da Tesla, ma la ricetta dell’azienda è unica e “segreta”. Questo articolo si ispira ad un articolo di EVANNEX, nota azienda che produce e vende accessori Tesla aftermarket. Troviamo davvero interessante il loro punto di vista, soprattutto perche loro, con i loro prodotti, rendono la Tesla ancor più unica.

Come competere con Tesla secondo EVANNEX

Dato che gli esperti del mercato azionario si annodano cercando di spiegare come Tesla sia diventata la casa automobilistica più preziosa del mondo nel giro di pochi anni, può valere la pena di ripetere alcuni principi fondamentali.

Come competere con Tesla

Una di queste regole rudimentali è che il mercato azionario è orientato al futuro. Il prezzo delle azioni di un’azienda non riflette ciò che l’azienda ha fatto lo scorso trimestre, piuttosto ciò che il mercato pensa di fare nel futuro. Investire significa fare supposizioni su come sarà il futuro. In questo modo si prevede quali aziende saranno in grado di prosperare in quel futuro e quali saranno probabilmente lasciate indietro. Se si accetta che il futuro dell’industria automobilistica sia elettrico (e quasi tutti i CEO del settore auto lo fanno o lo affermano), allora è praticamente impossibile non scommettere su Tesla.

Il professor Bradford Cornell ha insistito su questo tema nel corso di diverse rubriche su Tesla. Il suo ultimo pezzo, apparso su ValueWalk, riassume alcuni dei suoi argomenti passati in un’eloquente spiegazione del perché il titolo TSLA stia continuando la sua ascesa in orbita, mentre le azioni delle case automobilistiche ereditate rimangono legate alla terra.

Da anni ormai sentiamo parlare di un’ondata di “Tesla killer” che presto arriverà dalle case automobilistiche, ma quell’ondata sembra non arrivare mai. La maggior parte delle EV là fuori ( alcune di esse sono automobili eccellenti ) non può battere ciò che Tesla ha da offrire. Finora, nessuna è stata venduta in un volume come Tesla negli ultimi mesi.

Per il Professor Cornell, una EV di successo ha bisogno di spuntare quattro caselle. Ha bisogno di un design elegante, di un’ampia gamma e di un prezzo ragionevole, e deve essere disponibile in quantità. Solo la Tesla Model 3 e il Model Y riescono spuntare tutte e quattro le caselle. La Bolt, la LEAF, l’i3, l’I-PACE, l’E-Tron, la Taycan, e anche le nuove offerte come la Polestar, mancano tutte di almeno una di queste caselle.

Continuiamo a sentir parlare di nuovi grandi veicoli elettrici in cantiere, ma questi continuano ad arrivare in ritardo. Il SUV di lusso Mercedes EQC 400, originariamente in vendita negli Stati Uniti quest’anno, non arriverà prima del 2021. Anche l’ID.4 della Volkswagen e la Mach E della Ford sono ad almeno un anno di distanza mentre la Toyota sta ancora chiacchierando di idrogeno.

Il prezzo delle azioni di Tesla è alle stelle e dà accesso a un capitale immenso. Inoltre Tesla sta usando quel capitale per costruire nuove fabbriche, per sviluppare nuovi modelli e nuove caratteristiche, e per migliorare continuamente la sua tecnologia di produzione.

La domanda che ci poniamo è: i giganti dell’auto non hanno accesso a un capitale immenso anche loro? Certo. La differenza rispetto a Tesla è che gli altri marchi non stanno dedicando tutti, e nemmeno la maggior parte, dei loro investimenti ai veicoli elettrici. Hanno linee di prodotti esistenti da mantenere in vita, reti di concessionari da mantenere felici, e ora, una pandemia economica da combattere.

L’amministratore delegato di Audi ha recentemente proclamato che i veicoli ICE “saranno vivi per molto tempo” e che l’azienda “continuerà a investire massicciamente nello sviluppo dei motori a combustione”.

Per tornare ai quattro criteri del professor Cornell per un EV di successo e su come competere con Tesla, crediamo che la numero 4, la disponibilità, sia probabilmente la più problematica.

E voi cosa ne pensate di questa analisi? fatecelo sapere come sempre nei commenti!

[Via]

   
Admin at Tesla Lovers
Appassionato di tecnologia. Studia informatica all'Università di Parma. Apple User. Futuro possessore dell'auto rivoluzionaria di sempre: la Tesla.
0 0 votes
Article Rating