i rivali cinesi di tesla sono in difficoltà
22 Maggio 2020

I rivali cinesi di Tesla sono in difficoltà, vendite crollate

By Osvaldo Miglio

A quanto pare i rivali cinesi di Tesla sono in difficoltà. Il boom dei veicoli elettrici in Cina si sta trasformando in un fiasco. Negli ultimi dieci mesi le vendite di “veicoli a nuova energia” sono crollate. Ad aprile, hanno mostrato un calo del 43% rispetto allo stesso mese del 2019. Come riferisce Reuters, è un mercato affollato: oltre alle grandi case automobilistiche nazionali come Geely, BYD e il gruppo statale FAW, ci sono almeno 50 startup che competono per una fetta della torta elettrica.

i rivali cinesi di Tesla sono in difficoltà

Il rallentamento delle vendite durante tutto l’anno è dovuto a diversi fattori.

Le difficoltà che le startup EV hanno incontrato, come il calo delle vendite di auto, il difficile ambiente di raccolta fondi e la riduzione dei sussidi, tutto è iniziato l’anno scorso. L’epidemia [COVID-19] aggraverà questi problemi.

Brian Gu, presidente della Xpeng Motors

Vediamo i dati

La crisi del coronavirus ha colpito duramente i produttori di veicoli elettrici nel primo trimestre – anche la storica BYD ha visto il suo profitto calare dell’85%. Alcune altre aziende, tra cui Nio, Xpeng e Li Auto, hanno fatto registrare vendite “positive” nel primo trimestre, ha dichiarato Cui Dongshu della China Passenger Car Association.

Un’ azienda che finora ha fatto bene è la Tesla. La Shanghai Gigafactory ha riaperto il 10 febbraio, dopo essere rimasta chiusa per meno di due settimane, e l’azienda ha registrato un record di 10.000 consegne a marzo. Le cose sembravano meno rosee in aprile, con un calo delle vendite di circa il 60%, ma questa notizia non è così male come può sembrare. I dati mensili sono sempre influenzati da fattori stagionali, soprattutto per la Tesla, che tende a consegnare auto in forte aumento alla fine di ogni trimestre.

La Tesla ha tagliato il prezzo della sua Model 3 di base in Cina per continuare a beneficiare dei sussidi governativi. Nel frattempo, Grace Tao, VP degli Affari Esteri della Tesla Cina, ha recentemente dichiarato alla stampa cinese Xinhuanet che Giga Shanghai potrebbe produrre 4.000 veicoli a settimana già a giugno.

Come dimostra il prezzo elevato delle azioni TSLA, gli analisti si aspettano che la casa automobilistica californiana continui ad aumentare le vendite anche quest’anno, nonostante le sfide virali.

Tesla dovrebbe superare le difficoltà del mercato cinese, ma le startup nazionali di veicoli elettrici sono in difficoltà. Nio ha recentemente ottenuto un investimento di 7 miliardi di yuan (circa 897 milioni di euro) da investitori controllati dallo stato, e Luchi Motor ha venduto una quota di controllo al fondo di investimento della provincia di Henan.

Inutile dire che non tutti ce la faranno

Insomma, i rivali cinesi di Tesla sono in difficoltà, ma sembra probabile una scossa. Ecco cosa ha dichiarato un investitore anonimo a Reuters:

Alcuni piccoli produttori di veicoli elettrici non sopravviveranno alla contrazione causata dalla pandemia. Coloro che non avranno lanciato la produzione di massa dei loro modelli di auto entro il 2019 probabilmente moriranno.

I finanziamenti azionari stanno diventando sempre più difficili da reperire. Nel primo trimestre, infatti, i costruttori cinesi di veicoli elettrici si sono assicurati solo 200 milioni di dollari di nuovi finanziamenti.

[Via]

   
Grande fan di Tesla, e convinto ecologista. Sono per tutti quei progetti che, come Tesla, vedono ad un futuro nuovo e migliore combinando l'automotive e la sostenibilità ambientale.
5 1 vote
Article Rating